L’intricato mondo delle Malvasie

Tutto quello che è misterioso ma carico di indizi non completamente svelati è straordinariamente seducente, così è il meraviglioso mondo delle malvasie.

Tante se ne trovano disseminate in Italia e sulle coste del Mediterraneo, alcune sono sinonimi di una stessa varietà, altre sono capostipiti che hanno generato malvasie figlie, ce ne sono bianche, nere e persino una rosa.

Il nome deriva da un’isola greca conquistata insieme ad altri territori bizantini tra cui l’isola di Creta,  dai Veneziani durante la IV crociata.

I veneziani conobbero un vino dolce e aromatico e se ne innamorarono, l’isola di Creta  divenne il vigneto di Venezia, qui producevano il vino che andava ad allietare le tavole della nobiltà veneziana e d’europa, il vino greco diviene un simbolo elitario, un elisir proveniente da luoghi lontani e misteriosi.

La specificità di questi vini, diversi da quelli che si producevano in Europa, aromatici e dolci, realizzati con il metodo dell’appassimento delle uve; la provenienza dalle terre bizantine e il nome, ne fanno un brand.

Quando Venezia perderà il suo vigneto dopo che l’impero Ottomano si sarà impossessato dell’isola di Creta nel 1669, il nome e lo stile dei vini Malvasia era ormai consolidato da più di 400 anni.

Bisognava trovare un altro modo per produrlo, si trovarono uve simili, più o meno aromatiche sulle coste adriatiche italiane e dalmate e si continuarono a produrre vini dal nome malvasia con queste uve. Ecco che uve diverse oggi si chiamano “malvasia” anche quando non c’è legame di parentela tra di loro.

Clicca su ricevi gli aggiornamenti su WhatsApp
per :

Chiedere info sulle bottiglie di:
DILLO CON UN VINO
Ricevere notizie sulle future DEGUSTAZIONI ed altre news.

Domandare tutto quello che vuoi


Condividi questo articolo, e soprattutto condividi il liquido divino!